Ratei e Risconti

Che cosa sono ratei e risconti

I ratei e i risconti sono operazioni di integrazione/rettifica che permettono di «spezzare» un costo o un ricavo separando la quota di competenza dell’esercizio in corso da quella degli altri esercizi.

Consideriamo per esempio la seguente operazione:

../_images/ratei-risconti-prima.png

La fattura ha data 12/03/2020 ed è in quella data che vengono generati i relativi movimenti, ma non è detto che la prestazione erogata sia tutta di competenza dell’esercizio 2020: i movimenti potrebbero infatti essere imputabili (in parte) all’esercizio 2019, ed è quindi necessario ai fini della redazione del bilancio scorporare la quota non di competenza.

Il calcolo delle quote di competenza e la ripartizione ai relativi conti viene effettuata in automatico da Erpy, ma è necessario preconfigurare alcuni parametri perché ciò avvenga.

Come configurare Erpy per calcolare ratei e risconti

Premettiamo innanzitutto che al momento della configurazione generale di Erpy Coge fisseremo il mese di inizio dell’esercizio contabile, e che è sulla base di questo dato che verrà calcolata la quota di competenza.

Per permettere a Erpy di effettuare correttamente il calcolo dei ratei e dei risconti e la ripartizione ai relativi conti è necessario impostare i conti nella scheda Classi cliente e nelle Preferenze di contabilità al gruppo chiusure.

Per prima cosa nella Classe Cliente sarà necessario indicare il Conto fatture da emettere e il Conto note credito da emettere:

../_images/ratei-risconti-classi-cliente.png

Secondariamente nelle Preferenze dovremo indicare tutti i conti relativi a Ratei attivi, Risconti attivi, Ratei passivi e Risconti passivi:

../_images/ratei-risconti-preferenze.png

Una volta predisposto il sistema con questi dati è possibile procedere con l’attribuzione della competenza.

Definire la competenza delle voci di fatturazione


In fase di emissione della fattura è possibile specificare il periodo a cui si riferisce la lavorazione (Dal/Al) per ogni singola voce di fatturazione. Se questo periodo non è interno all’esercizio ma coinvolge un esercizio precedente o successivo, verranno prodotti i relativi movimenti contabili relativi a ratei e risconti e il movimento verrà partizionato per competenza.

Affinché ciò avvenga, è sufficiente specificare una data di inizio (Dal) e una data di fine (Al) della lavorazione nelle relative colonne. Per visualizzare le colonne è sufficiente cliccare su Campi extra e flaggare Competenza:

../_images/ratei-risconti-campi-extra-preferenze.png

I movimenti contabili generati

Ipotizziamo a questo punto di indicare «01/09/2019-20/03/2020» come periodo di competenza della prestazione di cui sopra. Sulla base della data di chiusura del bilancio al 31/12/2019, oltre ai soli movimenti che abbiamo visto all’inizio e che sono i classici movimenti attivati con l’emissione di una normale Fattura a cliente , si vengono ad aggiungere anche i seguenti movimenti:

  • quota Dare a ridurre l’importo nel conto relativo alla voce di vendita per la quota non di competenza (in questo caso i 122 giorni dal 01/09 al 31/12)
  • quota Avere dello stesso importo nel conto dei Ratei Attivi

Il movimento è relativo alla singola Voce di Fatturazione per cui abbiamo indicato il periodo di competenza. Nel caso in cui si indicassero periodi di competenza differenti per ogni voce il calcolo sarà ovviamente diverso per ogni voce.

../_images/ratei-risconti-dopo-competenza.png